Home » Automobilismo

24H LE MANS: Toyota quinta vittoria

17 Giugno 2022 Stampa articolo

LE MANS – Toyota ha ottenuto la quinta vittoria consecutiva a Le Mans e la terza doppietta nella 24h di Le Mans.

Sebastien Buemi, Ryo Hirakawa e Brendon Hartley sulla Toyota GAzoo Racing Toyota GR101 Hybrid Hypercar n. 8 hanno celebrato la vittoria assicurando a Buemi la sua quarta vittoria a La Sarthe, la terza di Hartley e una prima vittoria per Ryo Hirakawa. La gara tra le due Toyota ha imperversato per le prime 16 ore dell’evento con ogni vettura in testa a tappe. Ma un problema con il sistema ibrido anteriore della n. 7 ha fatto perdere tempo cruciale e ha spalancato la strada del successo alla vettura gemella.

La vittoria di Toyota oggi segna la prima volta che un team costruttore ufficiale ottenga cinque vittorie consecutive a Le Mans da quando la Ferrari ha raggiunto l’impresa tra il 1960 e il 1964. Vede anche Ryo Hirakawa diventare il quinto pilota giapponese a vincere Le Mans e il rookie si unisce a Masanori Sekiya (1995), Seiji Ara (2004), Kazuki Nakajima (2018, 2019 e 2020) e Kamui Kobayashi (2021).

Glickenhaus Racing fa meglio del suo quarto posto del 2021 chiudendo terza e quarta.

Alpine ELF Team conquista il quinto posto per il titolo WEC Hypercar 2022, ma lascia Le Mans deluso dopo un fine settimana difficile. Un problema alla frizione, un incidente e altri problemi più piccoli assicurano hanno segnato la loro gara.

Porsche ottiene la prima vittoria a Le Mans LMGTE Pro dal 2018 con Frederic Makowiecki, Gianmaria Bruni e Richard Lietz che conquistano una vittoria combattuta nella Porsche GT Team 911 RSR-19 n. 91.

La vittoria di oggi del Porsche GT Team è stata la sua 20a vittoria nel WEC e supera il bottino di 19 vittorie di Aston Martin. Makowiecki ha conquistato la bandiera a scacchi davanti alla Ferrari numero 51 af Corse guidata da James Calado, Daniel Serra e Alessandro Pier Guidi in una battaglia serrata e tattica fino alla fine. Ognuno dei tre costruttori di LMGTE Pro – Ferrari, Porsche e Corvette passano il tempo a guidare la categoria nel corso della 24 Ore.

Le Chevrolet Corvette n. 63 e n. 64 trascorrono parte della gata in testa, ma un problema alle sospensioni per la vettura n. 63 di Nicky Catsburg, Jordan Taylor e Antonio Garcia, e poi un incidente per la C8 guidata da Alexander Sims, pone fine alle speranze di vittoria del team americano. Sims, che ha condiviso con Nick Tandy e Tommy Milner, è stato coinvolto in un incidente sul rettilineo del Mulsanne causato dalla LMP2 di Ad Corse. L’incidente è avvenuto poco più di due ore dopo che la Porsche 911 RSR-19 n. 92 di Kevin Estre, Michael Christensen e Laurens Vanthoor è uscita dal comando della classe con una foratura prima di combattere per il quarto posto alla bandiera a scacchi. Questo era un posto dietro Miguel Molina, Davide Rigon e Antonio Fuoco alla guida della Ferrari n. 52 DI CORSE che è stata ritardata nelle prime fasi della gara, anche da una foratura. L’ultimo arrivato in LMGTE Pro è la Ferrari Riley Motorsports di Felipe Fraga, Sam Bird e Shane van Gisbergen che termina quinto.

JOTA celebra una tripletta di vittorie LMP2 a Le Mans con Antonio Felix da Costa, Roberto Gonzalez e Will Stevens che dominano la classe fin dalle prime fasi con prestazioni impeccabili. In aggiunta alle precedenti vittorie della squadra britannica nel 2014 e nel 2017, il numero 38 JOTA controlla il campo e porta a casa il trio del Prema Orlen Team composto da Robert Kubica, Louis Deletraz e Lorenzo Colombo. L’asso britannico Stevens diventa un pilota di Le Mans vincitore della doppia classe dopo aver assaporato il successo con il team Ferrari JMW nella classe LM GTE Am nel 2017.

Roberto Gonzalez si unisce a suo fratello Ricardo, che ha vinto nel 2013, come campione LMP2. I campioni in carica WRT subiscono un’amara delusione quando la vettura numero 31 in pole position cade indietro dopo 60 secondi di penalità per il primo contatto alla curva con il numero 22. Ma la lotta eroica vede la vettura in lizza per il podio fino a quando Robin Frijns esce all’uscita della curva di Indianapolis domenica all’ora di pranzo.

TDS Racing x Vaillante Oreca-Gibson scrive la storia di Le Mans dopo aver sostituito il telaio e un pilota in vista della gara. Nyck de Vries viene chiamato all’ultimo minuto ed è un’arma significativa nella vettura rivendicando la quarta posizione insieme ai suoi compagni di squadra Mathias Beche e Tijmen van der Helm. Il Team Penske si è piazzato quinto con Felipe Nasr, Dane Cameron ed Emmanuel Collard nella loro ultima apparizione nel WEC del 2022 insieme. Giallo e blu Oreca-Gibson perde tempo con le riparazioni della carrozzeria all’inizio.

TF Sport sigilla la vittoria nella categoria LMGTE Am a 23 vetture con Ben Keating, Marco Sorensen e Henrique Chaves per raddoppiare e riprendere il successo di Le Mans 2020. L’Aston Martin Vantage ha preso il comando della classe dalla Porsche 911 RSR-19 WeatherTech al mattino presto e non si è mai guardata indietro e ha esteso il suo vantaggio oltre la portata della vettura entrata negli Stati Uniti.

Keating conquista una prima vittoria molto ambita al suo ottavo tentativo e bandisce il ricordo della vittoria persa per squalifica nel 2019, mentre Sorensen aggiunge la vittoria di Le Mans al successo del titolo FIA WEC 2016 e 2019-20. Weathertech Racing completa un’eccellente gara, ma alla fine perde la possibilità di vittoria dopo un’escursione fuori rack nel periodo mattutino.

Bella giornata per Aston Martin con la formazione N.98 Northwest AMR di Paul Dalla Lana, Nicki Thiim e David Pittard che conquista il terzo posto dopo una corsa fluida verso la bandiera. GR Racing ottiene il miglior risultato di sempre a Le Mans con Ben Barker, Mike Wainwright e Riccardo Pera che conquistano il quarto posto, davanti alla Porsche 911 RSR-19 numero 88 dempsey Proton Racing iscritta per Jan Heylen, Fred Poddard e Maxwell Root.

Daniele Marangoni



Articoli correlati