Home » Automobilismo

Audi Sport Team Phoenix vince alla 24H del Nürburgring

30 Maggio 2022 Stampa articolo

NURBURGRING – Audi Sport Team Phoenix ha vinto la 50a edizione del 24H del Nürburgring, battendo la Mercedes-AMG Team GetSpeed in una gara decisa tutta sul finale.

L’Audi R8 LMS GT3 Evo II numero 15 guidata da Kelvin van der Linde, Dries Vanthoor, Frederic Vervisch e Robin Frijns ha transitato per prima sotto la bandiera a scacchi e sono stati dichiarati vincitori dopo un finale di gara molto teso in cui il loro ultimo pit stop è stato messo sotto inchiesta.

Phoenix ha trascorso le prime fasi seguendo sia l’Aston Martin della TF Sport che la BMW M4 GT3 n. 98 di ROWE Racing e Vanthoor ha dovuto tenere a bada suo fratello Laurens, fino a quando le due vetture sono entrate in contatto alla curva Tiergarten, con la Porsche 911 GT3 R della Manthey Racing che ha colpito duramente le barriere e terminando così la corsa.

L’Audi n°15 ha proseguito e ha preso il comando della gara al calar della notte quando sia TF Sport che ROWE Racing si sono dovuti ritirare: Nicki Thiim ha dovuto abbandonare la corsa con l’Aston Martin Vantage GT3 n. 90 a Galgenkopf circa sette ore più tardi dopo essere scivolato su una macchia d’olio che lo ha portato fuori pista.

Pochi istanti dopo, Sheldon van der Linde ha avuto un incidente ad alta velocità quando la sua BMW ha subito un sospetto guasto tra Bergwerk e Kesselchen, che ha lanciato la vettura contro le barriere. L’Audi n. 15 ha ereditato il comando con il numero 3 Mercedes-AMG Team GetSpeed Mercedes-AMG GT3 Evo di Adam Christodoulou, Maximilian Goetz e Fabian Schiller che si sono piazzati in seconda posizione, impostando così la battaglia per la vittoria per il resto della gara.

Per tutta la notte e fino a domenica mattina, l’Audi Phoenix avrebbe scambiato la leadership con la BMW n°20 di Schubert Motorsport che stava correndo su una strategia alternativa. Le possibilità della vittoria di Schubert si sarebbero definitivamente concluse alla fine della sedicesima ora quando Alexander Sims fu sorpreso da una prima breve pioggia mentre combatteva con Van der Linde. La BMW è scivolata fuori pista tra Metzgesfeld e Kallenhard, colpendo la barriera e causando una foratura alla anteriore destra.

Con Schubert fuori dai giochi, il compito principale di GetSpeed in gara era quello di colmare il divario con l’Audi di testa, che era quasi un minuto entro la fine della diciassettesima ora. Gli stint veloci di Christodolou e successivamente di Schiller hanno permesso alla Mercedes di chiudere il divario con l’Audi di testa guidata da Vanthoor a mezzo secondo con tre ore ancora da disputare. Ma è stato a questo punto che più pioggia ha iniziato a cadere più insistentemente e nelle mutevoli condizioni, GetSpeed ha commesso l’errore di mantenere la sua auto, ora guidata da Goetz, sulle slick per troppo tempo.

Mentre il campione in carica del DTM ha faticato, Phoenix ha optato per montare sull’Audi n. 15 le slick tagliate, che gli hanno permesso di allontanarsi di nuovo e di regalare la vittoria per la squadra con sede a Meuspath che ha ottenuto la sua prima vittoria nella 24H dal 2019 e la sesta in totale. La Mercedes-AMG numero 3 è arrivata seconda, con la sua vettura gemella guidata da Maro Engel, Jules Gounon e Daniel Juncadella che ha completato il podio.

Schubert Motorsport è stata in lizza per il podio fino all’ultima ora, quando la sua vettura ha subito un guasto meccanico nella pitlane, con fumo bianco che fuoriusciva dal motore. La vettura numero 22 di Audi Sport Team Car Collection composta da Christopher Haase, Nico Mueller, Patric Niederhauser e Rene Rast è arrivata quarta.

Daniele Marangoni



Articoli correlati