Privacy Policy Cookie Policy
Home » CANOA, SECONDO PIANO

Medaglie per Canoe Rovigo a Silea

13 Ottobre 2022 Stampa articolo

SILEA (Treviso) – Sei medaglie e buoni piazzamenti per i giovanissimi del Canoe Rovigo di Bosaro domenica scorsa 9 ottobre a Silea, con moltissime gare non disputate che lasciano l’amaro in bocca.

Con la gara regionale di fondo sulle cristalline acque del fiume Sile si è chiusa la stagione agonistica della canoa velocità in acqua piatta riservata a tutte le categorie giovanili e alla paracanoa, con la partecipazione di 14 società provenienti dal Veneto. 

Il Sile aveva le acque mosse per la forte corrente e la presenza di numerose piante acquatiche, hanno reso il percorso di gara molto difficoltoso tanto da mettere a dura prova alcuni giovani atleti del Canoe Rovigo.

Ottima la prestazione in K1 nei 2000 metri e nei 200, coronata da due argenti, di Sebastiano Ferrari nella categoria DIR A. Bene anche il compagno di squadra, Giorgio Segato (DIR B), che per due volte sale sul gradino più alto del podio.

Nelle gare giovanili Antonio Bertelli (cat. Allievi B), nella gara di fondo, non riesce a liberarsi dalla vegetazione acquatica e arriva undicesimo. Lo stesso problema lo risconta Margherita Moretto che non demorde e infine arriva settima. Nello sprint i due ragazzi si piazzano rispettivamente in sesta e in quinta posizione. 

Gara Cadetti A 2000 metri: Francesco Fiore, Alessandro Perdonati, Lorenzo Biscuolo, Axel Venturini, si classificano corrispettivamente in quarta, quinta, ottava e nona posizione. Ottima performance di Antonio Maran che con un entusiasmante sprint conquista medaglia d’argento. 

L’equipaggio composto da Fiore e Biscuolo, dopo una partenza non molto buona, riesce a recuperare e si piazza al secondo posto, vincendo così la tanto desiderata medaglia.  

Grande delusione e dispiacere per le allieve Maia Turri, Celeste Moretto, l’esordiente Sofia Firsanova e per tutti i Cadetti A, a causa delle carenze organizzative le gare sono state sospese e nessuno di loro ha potuto affrontare lo sprint in canoa singola.  

“Ora si guarda in avanti, – commenta Aneta Andziak, direttore sportivo della squadra – tra poco bisognerà affrontare il periodo invernale, che consiste nella tanto importante preparazione atletica multidisciplinare, guidata allo sport della canoa”. 

C.S.



Articoli correlati