Home » Motociclismo

Moto 3 e 2: vincono Guevara e Ogura

3 Maggio 2022 Stampa articolo

JAREZ (Spagna) – Le Moto3 danno spettacolo nel Gran Premio di Spagna a Jerez e la gara si decide all’ultima curva dell’ultimo giro grazie a un sorpasso da cineteca di Izan Guevara (Gaviota GASGAS Aspar Team), che beffa tutti, compagno di squadra compreso, per trionfare sotto la bandiera a scacchi.

In seconda posizione il leader del Campionato del Mondo, e compagno di squadra, Sergio Garcia (Gaviota GASGAS Aspar Team) mentre completa il podio un altro spagnolo, Jaume Masia (Red Bull KTM Ajo), che supera Öncü all’ultima curva per il podio finale.

Al pronti-via, è stato Garcia a balzare al comando dal secondo posto in griglia mentre Guevara ha dovuto accodarsi dietro di lui. Parte bene anche Foggia e il pilota Leopard Racing si porta in terza posizione prima di arrendersi al duo GASGAS che ha iniziato a sostenere un ritmo indiavolato tanto da rifilare a Foggia mezzo secondo dopo il primo passaggio.

Masia intanto emerge da dietro e si aggrega al duo di testa al 3° passaggio e a questo terzetto si aggiunge successivamente anche Diogo Moreira (MT Helmets – MSI). I quattro girano molto forte e dopo tre avevano oltre 1 secondo di vantaggio sugli inseguitori, ma questo gap ben presto verrà annullato.

Guevara, Garcia e Masia hanno iniziato a scambiarsi le posizioni tra di loro e questo ha permesso a Xavi Artigas ed Öncü di rifarsi sotto e chiudere il divario nel corso dell’ottavo giro e aggregarsi alla lotta per la vittoria.

La costante lotta per la leadership ha permesso ad altri piloti di raggiungere i cinque piloti al comando: Riccardo Rossi della SIC58 Squadra Corse, Dani Holgado della Red Bull KTM Ajo e, incredibilmente dopo essere partito dal fondo della griglia e aver scontato una penalità, Ayumu Sasaki di Sterilgarda Husqvarna Max Racing avevano tutti catturato il gruppo di testa e con 12 giri alla fine, ben 9 piloti si trovavano il lotta per la vittoria.

Guevara cerca di dare uno strappone al gruppo e si porta in prima posizione aumentando il ritmo ma Holgado e Moreria e Rossi hanno dovuto alzare bandiera bianca, incapaci di sostenere il ritmo del battistrada. Successivamente Rossi è anche caduto.

Dopo innumerevoli sorpassi tra i principali contendenti, mancavano solo tre giri alla fine con il turco Öncü in testa davanti a Garcia e Masia. Guevara stava ancora immaginando le sue possibilità in quarta posizione, con Artigas e Sasaki, chiaramente privi di grip dopo aver spinto forte per raggiungere i leader, puntando a raccogliere i pezzi in quinta e sesta.

Masia ha trovato una via d’uscita su Garcia per andare secondo alla curva 6 con tre giri rimanenti prima che Garcia facesse una mossa in copia carbone su Masia un giro dopo per riprendere il posto. Ciò non è durato a lungo, però, con Masia che ha trovato una risposta immediata.

Mancava un giro alla storica Jerez e Masia immaginava una vittoria casalinga da sogno. Ha guidato mentre si tuffava sui freni giù per la collina nella curva Pedrosa, curva 6, ma Öncü ha risposto con un’altra mossa alla sua curva 8 preferita. In un batter d’occhio, Masia è tornato al quarto posto dopo che entrambi i piloti GASGAS si sono fatti strada alla curva 10 – Garcia era secondo con Guevara che lo seguiva fino al terzo.

Nell’ultima curva e Öncü era in vantaggio. Garcia è andato per l’interno, Öncü al centro e Guevara all’esterno con il maiorchino che evoca un po ‘di magia di Lorenzo al Lorenzo Corner per tirare fuori una mossa “Por Fuera” abbastanza incredibile per colpire la parte anteriore. Garcia ha cercato di trascinarlo oltre la linea, ma il 17enne ha resistito solo per una seconda vittoria nel Gran Premio e anche in un certo stile. Masia ha dovuto spingere Öncü fuori strada per prendere il terzo posto, negando al turco un primo podio dell’anno in modo crudele. Artigas ha conquistato il quinto posto, con Sasaki un lodevole sesto dopo aver affrontato le avversità reali.

Nella lotta per il settimo posto, il giapponese Kaito Toba (CIP Green Power) ha vinto contro il connazionale Ryusei Yamanaka, mentre Holgado e Moreira sono scivolati di nuovo al nono e decimo posto dopo essersi seduti nella lotta per la vittoria in una fase.

Un terzo podio consecutivo per Garcia lo ha aiutato a spostare 21 punti da Foggia dopo una giornata da dimenticare per l’italiano. Alla fine è scivolato fino al 18 ° posto dopo essere stato 3 ° nel giro di apertura, il che significa che non è riuscito a segnare un punto. La vittoria di Guevara lo porta nella contesa del titolo, il talentuoso adolescente è ora a soli 30 punti dal suo compagno di squadra mentre ci dirigiamo a Le Mans.

 

MOTO 2

Ogura ha corso senza sbagliare e dopo la pole di ieri, oggi ha conquistato la sua prima vittoria in Moto2. Dietro al giapponese, prestazione altrettanto considerevole di Aron Canet che giunge secondo sopportando il dolore di un bracco rotto. Il podio è completato da Tony Arbolino mentre il compagno di squadra Sam Lowes e il collega britannico Jake Dixon sono caduti nelle prime fasi.

Ogura è partito dalla sua prima pole position nella classe intermedia insieme al duo Elf di Arbolino e Lowes mentre i semafori davano il via alla gara di 23 giri. Canet di Flexbox HP40 si è qualificato quarto nonostante abbia subito un intervento chirurgico al raggio sinistro fratturato lunedì pomeriggio dopo il drammatico GP del Portogallo.

Ogura mantiene il comando della gara, Canet sale immediatamente al secondo posto con Fermin Aldeguer terzo. Sfortuna per Lowes, sceso all’ottavo posto dopo il contatto inziale contro il suo ex compagno di squadra Augusto Fernandez. Arbolino è tornato in lizza per il podio mentre il giro di apertura si è concluso con Somkiat Chantra, Celestino Vietti e Lowes ad inseguire.

Lowes si porta al quinto posto mentre inizia il secondo giro contava e Pedro Acosta cade alla curva sei dopo il contatto con il giovane Dixon che a quel momento era nono. Il ritmo di testa aumenta e Arbolino si porta fino al secondo posto con Canet e Chantra tra lui e il compagno di squadra Lowes mentre il britannico stabilisce il giro più veloce fino a quel momento.

Romano Fenati è caduto alla curva otto dopo soli sei giri mentre le voci della sua uscita anticipata dal team Speed Up si fanno sempre più insistenti. Lowes risale fino al quarto posto mentre Arbolino ingaggia una lotta con Canet per il secondo posto. La rimonta di Lowes si è conclusa bruscamente con una scivolata alla curva otto dopo altrettanti giri.

Chantra è stata il prossimo a soccombere al circuito andaluso quando la Honda è caduta alla curva nove un giro dopo con Cameron Beaubier anche lui fuori gara. Fernandez eredita il quarto posto con Vietti quinto ma a quasi tre secondi dietro il trio di testa.

Dixon ha cercato un modo per superare Aldeguer per il sesto posto prima che il britannico raccogliesse lo spagnolo alla curva 13 ponendo fine alla gara di entrambi nella ghiaia.

A metà gara il trio di testa è saldamente al comando con Ogura davanti e dietro, a mezzo secondo, Canet e Arbolino. Fernandez quarto con oltre 1 secondo di vantaggio dal leader del campionato Vietti mentre Marcel Schrotter e Joe Roberts seguono a ruota il pilota VR46.

Bo Bendsneyder supera l’americano per il settimo posto con sette giri ancora da completare; Schrotter ha fatto lo stesso su Vietti prima che l’italiano si riprendesse la posizione. Arbolino tenta di superare Canet prima che il divario aumenti ancora una volta.

Daniele Marangoni



Articoli correlati