Home » Archivio

Articoli della categoria "Sitting Volley"

Paralimpiadi, Sitting Volley »

 a cura di C.S. |  

Brasile – Italia 3-1 (23-25, 25-17, 25-16, 25-21)
BRASILE: Ewarda 13, Pamela 7, Camila 13, Adria 11, Filomena 10, Jani 11. Gizele (L) 1. Luiza, Nurya, Laiana. N.e: Ana Luisa, Bruna. All. Guedes Dantas
ITALIA: Ceccatelli 10, Bellandi 7, Bosio 9, Pedrelli 7, Aringhieri 9, Battaglia2. Biasi (L). Cirelli 6, Barigelli. N.e: Fossato, Desini, Vitale. All. Ribeiro
ARBITRI: Meijer (Ola) e Arpas (Hun).
Durata Set: 29’, 26’, 25’, 26’.
Brasile: 15 a, 8 bs, 11 m, 29 et.
Italia: 5 a, 15bs, 13 m, 31 et.
TOKYO. Le azzurre del Sitting Volley non sono riuscite a compiere l’impresa nell’ultima giornata della fase a gironi del torneo paralimpico di Tokyo 2020. Le ragazze di Amauri Ribeiro sono state sconfitte 3-1 (23-25, 25-17, 25-16, 25-21) dal Brasile, dovendo praticamente dire addio al sogno di qualificarsi alle semifinali per le medaglie.
In classifica l’Italia si trova con una 1 vittoria, 2 sconfitte e un quoziente set (5v-6p), situazione in base alla …


Continua a leggere »

Sitting Volley »

 a cura di C.S. |  

TABELLINO: Italia – Canada 1-3 (16-25, 14-25, 25-15, 19-25)
ITALIA: Battaglia 4, Ceccatelli 7, Bellandi 7, Bosio 9, Pedrelli 5, Cirelli 2. Biasi (L). Aringhieri 7, Barigelli. N.e: Fossato, Desini, Vitale.
CANADA: Oakes 8, Ellis 11, Wright 5, Peters 34, Kozun 9, Voss-Shafiq 3. Wong (L). Vair 1, Dolezar (L). N.e: Fergusson e Skyrpan. All. Ban
Arbitri: Fischer (Ger) e Calado (Bra).
Durata set: 21’, 21’, 23’, 26’.
ITALIA: 5 a, 8 bs, 10 m, 19 et.
CANADA: 14 a, 15 bs, 9 m, 32 et.
TOKIO –  La nazionale italiana femminile di Sitting Volley nella seconda uscita del torneo paralimpico di Tokyo 2020 è stata sconfitta dal Canada 1-3 (16-25, 14-25, 25-15, 19-25). Le azzurre hanno ceduto al termine di un match che le ha viste in grande difficoltà nei primi due set: la battuta del Canada ha funzionato molto bene e la Peters è andata a segno a ripetizione (34 i punti finali).
Nel terzo parziale …


Continua a leggere »

Azzurro, Paralimpiadi, Sitting Volley »

 a cura di C.S. |  

 (FONTE Federvolley)
GIAPPONE-ITALIA 0-3 (23-25, 11-25, 10-25)
GIAPPONE: Kikuchi 2, Sumitomo 1, Takei 7, Ogata 8, Osada, Nishie 1, Akakura (L). Fujii 2, Tanaka 1. N.e: Mano.
ITALIA: Battaglia 2, Ceccatelli 3, Bellandi 12, Bosio 15, Pedrelli 5, Cirelli 13, Biasi (L). Barigelli 6, Desini 2, Aringhieri 1. N.e: Fossato e Vitale. All. Ribeiro
Arbitri: Murulo (Est) e Fischer (Ger).
Durata Set: 31’, 20’, 22’.
GIAPPONE: 7 a, 5 bs, 3 m, 16 et.
ITALIA: 11 a, 11 bs, 13 m, 21 et.
TOKIO. All’esordio assoluto ai Giochi Paralimpici la nazionale italiana femminile di sitting volley ha ottenuto il suo primo successo: 3-0 (25-23, 25-11, 25-10) ai danni del Giappone.
Le ragazze di Amauri Ribeiro hanno iniziato nel migliore dei modi la loro avventura a Tokyo 2020, ottenendo una vittoria e tre punti molto preziosi per superare la fase a gironi. Sugli spalti hanno assistito all’incontro il Sottosegretario allo Sport Valentina Vezzali, il presidente del Comitato Italiano Paralimpico Luca …


Continua a leggere »

Azzurro, Sitting Volley »

 a cura di C.S. |  

Il Sitting Volley è nato nel 1956 in Olanda ed è stato inserito nel programma delle paralimpiadi nel 1960, e regolamentato dall’organizzazione mondiale della pallavolo per disabili soltanto nel 2008. E’ nato come disciplina adattata per la pratica sportiva dei disabili fisici, consiste nella pallavolo giocata restando seduti a terra, in assenza di ausili sportivotecnologici dedicati e potendosi spostare anche tramite la spinta delle braccia, ma con l’accortezza di mantenere, nel momento del tocco di palla, una qualsiasi parte del tronco a contatto col suolo. Nel Sitting Volley non vige la differenziazione dei gradi di abilità che esiste in altre discipline, in quanto, una volta seduti a terra, esse tendono a livellarsi o complementarsi. È per questo motivo che all’interno delle squadre di Sitting Volley possono coesistere giocatori portatori di disabilità e non: la potenzialità che ne consegue dal gioco insieme è la vera integrazione sociale.
Oggi sono oltre 50 i …


Continua a leggere »