Privacy Policy Cookie Policy
Home » BASKET, Femminile

Al Mazzali Solmec chiude terza

26 Settembre 2022 Stampa articolo

Solmec Rovigo – Alpo Basket 77- 68 d.t.s.  (4-18, 19-36, 43-57, 66-66)

 

Solmec Rovigo: Viviani 27, Turri 12, Battilotti 8, Cadoni 6, Furlani 9, Bonivento 6, Vaccarini 2, Ferri 4, Sorrentino 2, Modena 1. Ballarin e Poletto ne. All.re Pegoraro.

Alpo Basket: Sklepowicz 5, Rosignoli 12, Mancinelli 9, Vitari 14, Nene 2, Furlani 8, Fiorentini 5, Tribouley 3, Soglia 10, Franco. Turel e Moriconi ne. All.re Soave.

Arbitri: Tadic e Copelli

Tiri liberi: Solmec 11/16 – Alpo 8/10.

BOLZANO – Vittoria di prestigio per Solmec che dopo una rabbiosa rimonta batte all’overtime Alpo Basket, formazione di categoria superiore (serie A/2) e ottiene il terzo posto finale nel “Memorial Paola Mazzali” disputato nel weekend nel capoluogo bolzanino.

Una prestazione che conferma l’eccellente qualità del roster a disposizione di coach Pegoraro e che riscatta l’opaco quarto tempo della semifinale contro le padrone di casa del Basket Club.

Soddisfatta l’allenatrice rodigina: “E’ stata per noi una grandissima opportunità di giocare contro avversarie di Serie A/2 e abbiamo toccato con mano fisicità ed intensità di livello superiore.  Come non ero preoccupata dopo la semifinale, non sono esaltata dopo la vittoria di ieri. Sono contenta perché, nonostante abbiamo inserito pochi concetti difensivi, la squadra ha risposto alla grande sia sabato che ieri.

La partenza è con il freno a mano tirato e le veronesi si involano in un amen sull’8-2 che diventa 16-4 all’ottavo minuto con quattro triple su altrettanti tentativi. Le rossoblù trovano buoni tiri ma la palla non entra. Il play Viviani realizza gli unici punti del primo parziale.

Nel secondo quarto Solmec trova finalmente la via del canestro con un’ispirata Bonivento ma il gap aumenta complice una difesa che concede troppi secondi tiri alle avversarie e si va alla pausa lunga con diciassette punti da recuperare.

Durante la pausa la coach tocca le corde giuste alla squadra e la seconda metà di gara è tutta un’altra cosa. In attacco la squadra gira alla grande e la difesa diventa molto più attenta. Viviani e Turri bucano a più riprese la retina dalla lunga distanza ma Alpo risponde colpo su colpo.

Si entra nel parziale conclusivo con Rhodigium in ritardo di 14 lunghezze ma la partita è viva. L’intensità messa in campo dalle rossoblù è straordinaria e il parziale di 15-0 è la logica conseguenza.

Il canestro del primo sorpasso (58-57) è firmata dalla solita Viviani, autrice di un secondo tempo di grande sostanza ma tutta la squadra è in trance agonistica e le palle recuperate si susseguono (33 alla fine).

Mancano 4’16” da giocare. Alpo trova il primo canestro del quarto con la tripla di Rosignoli al 7’ ma Turri non sbaglia la tripla del controsorpasso. La partita è accattivante.

Viviani trova il +3 ma la lunga Soglia riporta le sue a -1. Turri dà il +3 che diventa +4 con un libero di Furlani con 61 secondi da giocare. Ancora Soglia riduce le distanze da sotto con 36” dalla fine.

Furlani sbaglia il jumper risolutore e a 2” dalla fine Vitari trova il canestro del pareggio. Time out Solmec per costruire l’ultima azione. L’esecuzione è magistrale ma il tiro di Furlani viene fermato in modo poco “ortodosso” e si va all’overtime che viene letteralmente dominato dalle rodigine (11-2 il parziale) che ottengono una vittoria convincente e meritata.

 “Ora torniamo a lavorare sodo in palestra con grande entusiasmo – conclude coach Giulia Pegoraro – e la serenità di una squadra che sa qual è il suo potenziale e che non può e non deve accontentarsi mai.” Sabato ultima amichevole prestagionale e poi si inizia a fare sul serio dalla domenica dopo.

C.S.



Articoli correlati