Home » Motociclismo

Fernandez vince moto2, Guevara moto 3

20 Giugno 2022 Stampa articolo

HOHENSTEIN-ERNSTTHAL (Germania)

MOTO 2

Augusto Fernandez della Red Bull KTM Ajo ha conquistato la sua seconda vittoria stagionale in Moto2 al Sachsenring, dominando in maniera netta tutta la gara e vincendo con nove secondi di vantaggio sul compagno di squadra Pedro Acosta mentre Sam Lowes di Elf Marc VDS completa il podio con la terza posizione.

La temperatura dell’aria supera i 33° mentre l’asfalto è bollente con i suoi 47° e in queste condizioni torride la gara di 28 giri prende il via con Lowes che ha mantenuto il suo vantaggio dall’ex compagno di squadra Fernandez prima che l’eroe locale Marcel Schrotter si portasse in seconda posizione partendo dal quinto posto. Dixon viene superato da Joe Roberts per il quinto e il sesto posto con Arenas quarto dopo la prima curva.

Lo spagnolo di Aspar è tornato in lizza per il podio mentre superava la KTM ma le posizioni si sono invertite nuovamente quando Pedro Acosta ha retrocesso Dixon al settimo posto con Tony Arbolino di Marc VDS, Fermín Aldeguer di Speed Up e Aron Canet di Flexbox HP40 che hanno completato la top ten nelle fasi iniziali.

Lowes e Schrotter hanno iniziato a controllare, il duo si è diviso di un quarto di secondo con un’ulteriore metà che li separa da Arenas e dalle KTM in avanzata. Fernandez torna in terza posizione con quattro giri veloci mentre Acosta si porta quinto.

La KTM di Ajo è salita al secondo posto ai danni di Schrotter. Jorge Navarro cade alla curva 13 mentre Dixon è sceso al nono posto e Fernandez ha fatto la sua mossa per portarsi al comando della gara nel corso del terzo giro.

I rivali per il titolo Ai Ogura e Celestino Vietti si trovano nelle retrovie rispettivamente in 11° e 13° posto a 22 giri dalla fine. Acosta, Schrotter e Arenas si scambiano le posizioni nella lotta per la posizione finale sul podio con Canet indietro di sei decimi in sesta. Dixon svanisce ai margini della zona punti con solo Cameron Beaubier e Manuel Gonzalez dietro nella top 15.

Fernandez ha mantenuto un vantaggio di 1,7 secondi su Lowes con dieci giri disputati. Acosta è a poco meno di un secondo dietro con Schrotter saldamente al terzo posto. Arenas e Canet tengono duro tra i primi sei con un distacco di 1.5s ai danni di Roberts. L’americano inizia a soffrire e tempo qualche giro si ritrova risucchiato dal gruppo scivolando all’11° posto. Nel mentre, Antonelli finisce nella ghiaia.

Lowes ha ceduto ad Acosta mentre la KTM di Ajo ha bloccato i primi due a metà gara. Un errore alla curva due del britannico lascia la porta aperta ad Acosta.

Vietti è stato il prossimo pilota a sbagliare alla curva uno del Sachsenring dopo aver recuperato due posizioni dall’undicesimo posto a sette giri dalla fine. Quattro giri alla fine e Lowes sembrava avere il ritmo, ma faticava a trovare una via d’uscita sul campione del mondo in carica della Moto3. Il britannico studia il rivale prima di superarlo alla Sachsen Kurve e il duello con Acosta è proseguito anche nel giro seguente.

Schrotter si porta sul terzo gradino del podio al penultimo giro ai danni Lowes prima di restituire il favore al tedesco nel settore finale e con ancora un giro da percorrere. Fernandez taglia il traguardo in solitaria con nove secondi su Acosta e Lowes, arrivati ai ferri corti con Schrotter nell’ultimo giro e il pilota di casa vede sfumare la gioia del podio davanti ai suoi tifosi.

 

MOTO 3

Ivan Guevara si aggiudica in solitaria il Gran Premio di Germania della Moto3 sul tracciato del Sachsenring davanti al nostro Dennis Foggia e Garcia, in lotta per tutta la gara per la seconda e terza posizione.

Allo start Guevara mantiene il comando della gara mentre i piloti Leopard Foggia e Tatsuki Suzuki sono passati al secondo e terzo posto. McPhee esce sulla ghiaia mentre Carlos Tatay della PruestelGP e Riccardo Rossi del Sic58 cadono alla prima curva.

Ryusei Yamanaka di MT Helmets è stato penalizzato per aver causato l’incidente nello scorso gran premio di Catalunya mentre McPhee doveva effettuare una gara di rimonta partendo dalla 28a posizione.

Holgado è tornato al terzo posto all’inizio del quarto giro prima di rivendicare il secondo posto nel corso della tornata. Deniz Öncü di Tech3 è stato penalizzato con una doppia long lap penalty a seguito di un jumpstart con Kaito Toba del CIP che ha fatto altrettanto. Sasaki è avanzato al quinto posto al quinto giro mentre Ogden ha subito un brutto highside alla curva sette ad alta velocità.

Guevara ha mantenuto un vantaggio di otto decimi al settimo giro mentre Kelso ha ceduto alla curva tre. Foggia mantiene il controllo sul suo compagno di squadra in seconda posizione con Garcia che guida Sasaki e Holgado mentre Muñoz è in testa nel secondo gruppo anche se a quasi quattro secondi dalla guida dei primi.

Garcia era terzo con una terza distanza di gara spedita, ma con un avvertimento sui limiti della pista nel processo. Foggia ha ricevuto un avvertimento simile poco dopo mentre la battaglia per il podio si intensificava.

Oltre un secondo e mezzo c’è stato il divario tra il primo e il secondo a metà tappa mentre Guevara continuava a dominare, il compagno di squadra Garcia saldamente sulla ruota di Foggia nella battaglia per il podio con Sasaki e Suzuki che litigavano per il meglio degli altri. Il rookie di VisionTrack Josh Whatley si ritira dall’azione dopo 14 giri.

Holgado ha guidato un quartetto di KTM mentre il pilota Ajo ha guidato Öncü e Adrian Fernandez di Tech3 con Jaume Masia ordinatamente dietro. Il turco dopo aver recuperato da una doppia penalità al giro lungo, una quasi caduta e un 24 ° posto in griglia inizia a sedersi settimo a dieci giri dalla fine.

Foggia ha continuato a difendersi duramente dal leader del campionato mentre i giri avanzavano. McPhee avanza al 19 ° posto mentre continua la sua lotta dopo il dramma del giro di apertura, ma con quasi 20 secondi tra lui e le posizioni di punteggio davanti, il compito era mastodontico.

Il dominio di Guevara si è attestato a oltre quattro secondi a cinque giri dalla fine. Andrea Migno di Rivacold Snipers è entrato nella top ten, in nona posizione quando ha spedito Masia con la coppia che ha continuato a lottare mentre si svolgevano gli ultimi giri. Lo spagnolo è sceso al 12 ° posto mentre Ivan Ortola e Muñoz dell’Angeluss hanno migliorato la prossima volta.

Foggia era minacciato con quattro giri ancora da giocare, mentre Garcia dava un’occhiata al suo rivale per il titolo. Sasaki saldamente sul retro del duo in lotta e pazientemente in attesa di scegliere il momento perfetto nonostante la guida con una clavicola rotta in seguito al suo mostruoso incidente al Mugello.

Guevara ha conquistato la sua terza vittoria del 2022 e la sua seconda consecutiva dopo la Catalogna con un impressionante 4.8s per assicurarsi il suo quinto podio di fila. Il compagno di squadra Garcia ha brevemente migliorato Foggia per il secondo posto prima che l’italiano colpisse di nuovo oltre la linea con Sasaki che completava i primi quattro.

Suzuki ha tagliato il traguardo quinto davanti a Holgado, Öncü, Fernandez e Muñoz con Ortola che ha completato la top ten. Migno, Masia, Xavi Artigas di CF Moto, Elia Bartolini di Avintia e Stefano Nepa di MTA hanno completato i marcatori a punti con McPhee che ha ridotto il divario a soli 12 secondi negli ultimi giri dal 19 ° posto.

Daniele Marangoni



Articoli correlati