Home » Automobilismo

Gt World Challenge – Brands Hatch

17 Giugno 2022 Stampa articolo

BRANDS HATCH (Regno Unito) – Ferrari si presenta con un equipaggio rinnovato nella serie Sprint con la #53 data “in pasto” a due giovanissimi del volante. Uno è Ulysse De Pauw, belga classe 2001, un ragazzo solare ma dal piede pesante come non mai. L’altro è Pierre Alexandre Jean, coetaneo di De Pauw ma cugino francese, già più avvezzo alle competizioni GT d’oltralpe. Dopo una storica pole position, che mancava nella classe regina dal 2015 per Ferrari, il duo conduce la loro 488 alla vittoria del primo round del week end del GTWC a Brands Hatch.

Alle spalle della Ferrari bianca ci sono Charles Weerts in coppia con Dries Vanthoor e Timur Boguslavskiy affiancato dal nostrano Raffaele Marciello. Un capolavoro quello del duo della squadra di AF Corse in grado di mettere “in riga” personaggi non indifferenti come gli ufficiali Audi WRT o il team principe Mercedes per non parlare dei diretti colleghi e rivali di AF Corse.

Dominio Ferrari anche in Pro-Am con Hugo Delacour e Cedric Sbirrazzuoli vincenti nel round mattutino londinese dopo la pole position di categoria per la coppia Bertolini – Machiels sempre su Ferrari.

Nella seconda manche di questo week-end GTWC a Brands Hatch è, invece, il duo russo – italiano di Akkodis Mercedes composto da Timur Boguslavskiy e Raffaele Marciello a conquistare la vittoria assoluta davanti all’equipaggio belga di Audi, secondo in entrambe le manche. Termina il podio l’altro equipaggio Mercedes composto da Jules Gounon e Jim Pla. Nella classe riservata alla Silver Cup, è ancora il duo composto da Ulysse De Pauw e Pierre Alexandre Jean a conquistare la vittoria di classe e transitare 5° assoluti al traguardo.

Nella classe Pro-Am è beffa per il duo Bertolini – Machiels che transitano secondi al traguardo dietro alla McLaren del duo composto da Patryk Krupinski e dall’ex pilota di Formula 1 Christian Klien. Miguel Ramos e Dean Macdonald portano la McLaren del team Garage 59 a conquistare il bronzo assoluto.

Daniele Marangoni



Articoli correlati