Home » Serie A2, VOLLEY

Delta Group condannata dagli errori

14 Febbraio 2022 Stampa articolo

Delta Group Porto Viro-Kemas Lamipel Santa Croce 0-3

(21-25, 23-25, 24-26)

Battute punto/errori: Porto Viro 1/17, Santa Croce 7/11; Ricezione: Porto Viro 50%, Santa Croce 60%; Attacco: Porto Viro 43%, Santa Croce 38%; Muri punto: Porto Viro 12, Santa Croce 10.

Delta Group Porto Viro: Bellei 14, Barone 10, Vedovotto, Pol e O’Dea 8, Fabroni 1, Marzolla, Romagnoli e Mariano 0, Zorzi, Gasparini e Tiozzo NE; liberi: Lamprecht e Penzo. Coach: Francesco Tardioli.

Kemas Lamipel Santa Croce: Walla Souza 14, Fedrizzi 13, Colli 8, Festi e Arasomwan 4, Acquarone 2, Ferrini 1, Giovannetti, Menchetti, Caproni e Riccioni NE; liberi: Pace e Sposato. Coach: Alessandro Pagliai.

PORTO VIRO (Rovigo) – La Delta Group Porto Viro viene sconfitta 0-3 dalla Kemas Lamipel Santa Croce nel recupero della seconda giornata di ritorno di Serie A2 Credem Banca. Continua il digiuno di vittorie in campionato (l’ultima risale al 26 dicembre 2021), ma, a differenza della debacle della scorsa settimana con Cantù, questa volta i nerofucsia hanno messo cuore e anima in campo. Non è bastato: forte, fortissima Santa Croce, tanti, troppi gli errori della Delta Group, che può mangiarsi le mani per aver sciupato l’occasione di riaprire la partita nel finale del secondo e del terzo set.

La Delta Group Porto Viro di Francesco Tardioli schiera Fabroni al palleggio e Bellei opposto, Vedovotto e Mariano in banda, Barone e O’Dea centrali, Lamprecht libero. Assente Cezar Douglas, sulla panchina della Kemas Lamipel Santa Croce siede Alessandro Pagliai. In campo Acquarone-Walla Souza sulla diagonale, Fedrizzi-Colli schiacciatori, Arasomwan-Festi in posto tre, Pace libero. Arbitri del match Massimo Rolla di Perugia e Maurina Sessolo di Fontanelle.

Partenza shock per Porto Viro, messa in ginocchio dalla battuta di Colli: 0-6, Tardioli ha già usato il primo time della serata. Arriva un muro ospite (1-8), quindi la puntura di Fedrizzi al servizio: 3-11, esce Mariano per Pol. Anche quando riesce a ricevere la Delta Group proprio non riesce a sfondare: block di Walla e attacco out senza tocchi, 4-15. Sforzo titanico dei padroni di casa per provare a rientrare, due muri di O’Dea, uno di Pol: 9-16, time Pagliai.

Continua il trend positivo nerofucsia, altri due muri, di Barone, un ace (confermato dal check) di Bellei: 14-18, seconda interruzione richiesta dalla panchina toscana. Piano con gli entusiasmi, Fedrizzi si conferma un’arma letale dai nove metri: 15-21, time Tardioli. Arasomwan sembra mettere la pietra tombale sulle speranze polesane (block del 17-23), Bellei e O’Dea (muro) riaprono un piccolo, piccolissimo spiraglio (19-23). Il sigillo ce lo mette comunque Colli: 21-25, 0-1 Santa Croce.

La Delta Group conferma Pol in sestetto e riparte nel segno di Bellei: 6-4. Qualche sbavatura nella metacampo nerofucsia, ma anche cuore e tenacia in abbondanza, come dimostra l’azione che porta al 13-10. Santa Croce resta in scia soprattutto grazie a super Fedrizzi, le manca però il guizzo break per rientrare a pieno titolo in corsa: dopo una tripla chance di contrattacco sprecata (chiude Barone a muro), Pagliai chiama tempo (19-16).

Cambi tattici da una parte e dall’altra, Marzolla per alzare il muro, Romagnoli e Ferrini in battuta, nella sostanza un niente di fatto. Errore offensivo di Porto Viro, Tardioli vuole subito parlarci su (21-20), Walla trova comunque il pari nello scambio successivo (21-21). Testa a testa finale, Walla piazza il muro del sorpasso a un centimetro dal traguardo (23-24). Una doccia fredda che diventa subito gelata: 23-25, 0-2.

Terzo set, Delta Group subito costretta ad inseguire (2-4). Due attacchi fuori di Festi, un gran muro di Barone, punteggio ribaltato: 6-4. Block anche per Fabroni, errore anche per Fedrizzi: 9-5, time Pagliai. Dopo un altro pallone gettato alle ortiche, Santa Croce sostituisce Colli con Ferrini. Ace di Festi (10-7), la spinta toscana non sembrerebbe irresistibile, ma Porto Viro si incaglia improvvisamente sul turno in battuta di Acquarone: 14-15, time Tardioli.

Riecco killer Fedrizzi dai nove metri (15-17), nel conto entrano altri due errori gravi dei padroni di casa: 16-19. secondo tempo ravvicinato per Tardioli. Non si arrende la Delta Group, muro di Bellei, colpo delizioso di Pol, muro di Barone: 22-21, ora il time lo chiede Pagliai. Attimi di tensione, Bellei attacca fuori, ma il check pizzica in fallo il muro toscano: 24-22. Come nel parziale precedente, la squadra di casa sbaglia tutto nel momento decisivo. Due errori, due muri presi, Santa Croce si mette in tasca i tre punti: 24-26, 0-3 Santa Croce.

L’analisi della gara del tecnico della Delta Group Francesco Tardioli: “Abbiamo perso lucidità nei momenti chiave del match, ma i ragazzi hanno risposto positivamente alle nostre richieste e, a parte l’inizio shock, siamo riusciti ad esprimere una buona pallavolo per tutta la gara. Ripartiamo da qui con delle certezze in più rispetto alla scorsa settimana. Certo, il risultato è sempre fondamentale, ma oggi era importante anche vedere che la squadra reagisse dal punto di vista emotivo. Abbiamo perso per degli episodi, ora dovremo capire perché questi episodi sono avvenuti”.

Una lettura che trova d’accordo anche lo schiacciatore nerofucsia Alberto Pol: “Ci siamo persi nel finale del secondo e terzo set, io per primo. Più che piangere sul latte versato, però, da domani dobbiamo tornare in palestra per lavorare su quello che abbiamo sbagliato e limare certi errori. Abbiamo capito ormai che in questo campionato il livello di tutte le squadre è molto alto e sono i dettagli a fare la differenza. Se non fai bene le piccole cose, quelle più semplici, è difficile portare a casa il risultato”.

C.S.



Articoli correlati