Home » Serie A2, VOLLEY

Delta Group Trent O’Dea scalpita

“Non vedo l’ora di giocare la prima partita in Italia” – afferma il nazionale australiano
20 Novembre 2021 Stampa articolo

PORTO VIRO (Rovigo) – Sorridente ma soprattutto scalpitante. Trent O’Dea è impaziente di fare il suo esordio con la Delta Group Porto Viro. Il nazionale australiano, presentato ieri in conferenza stampa, sarà già a disposizione di coach Tardioli domenica (ore 18, diretta streaming sul canale YouTube Volleyball World) per la gara della settima giornata di Serie A2 Credem Banca in casa di Conad Reggio Emilia.

Difficile dire se il nuovo acquisto nerofucsia farà subito il suo esordio, dall’inizio o a partita in corso, di sicuro però ci spera: “Sono felice di aver ricominciato a giocare a pallavolo e non vedo l’ora di giocare la mia prima partita con il Delta – racconta O’Dea – È da un po’ che sono fermo, la mia condizione fisica ovviamente non è ancora al massimo ma conto di essere al top nel giro di poche settimane.

Ho già giocato in Italia e contro squadre italiane, ma mai nel campionato italiano. Sono entusiasta di essere qui, la Serie A appassiona e attira tutti i giocatori stranieri”.

Un primo assaggio – piuttosto abbondante in realtà – della pallavolo nostrana O’Dea l’ha già avuto. Sabato scorso era al Palasport di Porto Viro per vedere la B2 Femminile della Virtus Taglio di Po, domenica a Cantù per assistere al match di campionato della Delta Group: “Mi è piaciuta l’atmosfera del nostro palazzetto– racconta l’atleta australiano –, è stato bello sentire l’entusiasmo della gente, anche se la capienza è ancora limitata mentre io spero di poter giocare con il 100% del pubblico presente.

Per quanto riguarda la partita di Cantù devo dire che è stato un bellissimo match, combattuto, tra due squadre alla pari. Il livello dell’A2 mi è sembrato molto buono, tra i più alti che ho potuto vedere nelle mie esperienze con i club”.

Che obiettivi si pone O’Dea per questa nuova avventura? “Ovviamente voglio dare il mio massimo e contribuire a far crescere ulteriormente la squadra – afferma –. La prima settimana di allenamenti è andata molto bene, ho giocato in così tanti Paesi e ho avuto così tanti coach che penso di aver visto un po’ di tutto nella mia carriera e non vedo particolari differenze con il lavoro che stiamo facendo adesso, anche se è presto per dirlo”.

Nel corso della conferenza stampa Nicola Baldon, secondo allenatore della Delta Group, presenta così il nuovo arrivato: “Deve lavorare ancora a livello fisico, ma abbiamo già visto che si muove bene e ci può dare una mano in tutti i fondamentali, muro attacco, battuta. Con l’aiuto di Trent e degli altri ragazzi che stanno rientrando dagli infortuni contiamo di fare un passo in avanti a Reggio Emilia, sarebbe molto importante in questo momento della stagione”.

Già, gara molto delicata in arrivo. Domenica scorsa la Delta Group ha fatto una buona prestazione ma non sono arrivati i punti, ora il risultato diventa prioritario: “Mi aspetto un match equilibrato, alla pari. Dobbiamo restare tranquilli pur sapendo che questa partita vale tanto – prosegue Baldon – Dispiace non aver fatto punti a Cantù, così come a Bergamo, ma l’aspetto positivo è che abbiamo giocato alla pari contro avversari ben rodati. Domenica incontreremo una squadra con un sistema di gioco simile al nostro, i numeri dicono che loro sono più efficaci di noi in fase break ma sbagliano anche di più. Dovremo migliorare l’aggressività al servizio e non farci bloccare in cambio palla”.

C.S.



Articoli correlati