Home » Baseball Giovanile, Under 15

Under 15 a testa alta contro gli Athletics

Ferrara Baseball: per la StudApp, in inferiorità numerica al Pilastro, sconfitta a tavolino ma affermazione sul campo. In una partita di grande spessore spiccano il gioco in attacco e una difesa convincente
13 Giugno 2021 Stampa articolo

baseballBOLOGNA – Dolce amara terza giornata di campionato Under 15 per il Ferrara Baseball, impegnato in trasferta contro gli Athletics Bologna sul campo del Pilastro. La formazione ducale – decimata dalle assenze – ha ufficialmente perso a tavolino l’incontro in cartellone; il pugno di atleti agli ordini di Benetti e Marzaduri ha prontamente riscattato la bandiera disputando comunque la partita in forma amichevole, e dominando nonostante l’inferiorità numerica.

I ragazzi del castello partono in attacco, segnando subito tre punti e riempiendo le basi prima del terzo out. Incassato un primo tentativo di rientro avversario, gli estensi allungano nel secondo e terzo inning, contenendo in difesa i tentativi di rimonta dei padroni di casa. Concluso l’ultimo attacco con un punto di vantaggio, Ferrara si porta ad una sola eliminazione dalla vittoria prima di incassare, su lancio pazzo, il punto di un pareggio (9-9) che comunque non rovina la soddisfazione di una prova corale e sostanziosa.

Gli errori, davvero pochi, non bastano a offuscare l’impressione che la squadra di Marrara viaggi in controllo per tutta la partita; oltre alla prestazione positiva dei lanciatori Sanna e Abetini, si segnala un diamante che concede pochissimo; magie del catcher Vasta, autore di una splendida eliminazione su rubata in terza, e di una ancor più bella eliminazione al volo in tuffo nel terzo inning; e grande intesa (quattro assistenze complessive su altrettante giocate) tra la seconda base Balletti e l’inedito prima base Popescu.

I tre rispondono presente anche in attacco, realizzando due valide a testa e spingendo a casa complessivamente cinque punti, imitati dai compagni Villani e Bego. Attacco ospite superiore anche nel gioco tra le basi (12 rubate totali, 5 quelle avversarie). Agnese Squarzanti, tra le veterane di esempio alla formazione, dimostra tutto il suo carattere stringendo i denti e giocando fino alla fine nonostante un fastidioso problema muscolare.

Applausi dal pubblico, coccole dallo staff: “Una prova che dimostra di che pasta sono fatti questi ragazzi quando si impegnano davvero”, commentano gli allenatori. “Abbiamo compreso e cercato di correggere alcune criticità nel metodo di allenamento, puntando ad aumentare soprattutto la qualità in attacco. I segnali dicono che la direzione è quella giusta. Recuperata la squadra al completo siamo certi che i risultati miglioreranno ancora”.

 

C.S.



Articoli correlati